Cosa Fare

 
Primi 4 Anni
Evitare di porsi il problema durante i primi 4 anni di vita del bambino, specialmente quando è
stanco o ammalato. Se invece questa abitudine si presenta in momenti di noia, bisogna cercare
di distrarre il bambino facendolo giocare o facendogli svolgere delle attività che gli tengano
le mani occupate. Evitare di rimproverarlo e premiarlo se non succhia.
5 Anni
Intorno ai 5 anni bisogna intervenire in maniera più decisa, scegliendo il momento giusto e
mostrandogli con uno specchio ciò che il dito ha causato ai denti: il “buco” che ha creato e
l’eventuale danno alla pelle del pollice. Il bambino va aiutato ricordandogli l’impegno preso,
magari colorandogli il dito con un pennarello. Bisogna mettere al corrente del vizio anche tutte
le persone, come nonni, zii, baby-sitter, che ruotano attorno al bambino Premiarlo sempre se
non succhia!
6 Anni
Se tale abitudine continua dopo i 6 anni e, se resta un movimento involontario durante il
sonno, si può provvedere a mettere nel dito del nastro adesivo o un guanto. Questo si
stema può essere utilizzato per qualche notte di seguito e poi in modo discontinuo. 
Spiegare al bambino che lo stiamo aiutando senza punirlo. Portare il bambino dal dentista.
7 Anni
Nel caso in cui l’abitudine persiste dopo i 6 – 7 anni, causando lo spostamento dei denti
permanenti in eruzione ed un morso aperto, è bene portare il bambino dal dentista: oggi
esistono dei sistemi di barriera da posizionare in bocca per impedire la suzione.

 

Prenota la tua visita gratuita presso:
Ad Ottobre in occasione del Mese della Prevenzione Dentale, gli aderenti ANDI, offrono una visita di controllo Gratuita.
Prenota la tua visita presso: Dott.ssa Edge Iolanda Elena Dentista